L'Audace Bianco Sporca il Resto

by Leitmotiv

/
  • Streaming + Download

    Download immediato dell'album (16 tracce) in un formato a tua scelta (320k mp3, FLAC, e tanti altri...).

    Immediate download of 16-track album in your choice of 320k mp3, FLAC, or just about any other format you could possibly desire.

      €6 EUR  or more

     

1.
03:27
2.
3.
4.
5.
04:36
6.
05:16
7.
8.
02:58
9.
10.
01:05
11.
04:03
12.
13.
14.
02:32
15.
04:16
16.
04:21

about

"The Brave White Makes the Rest Dirty" - its title in English - is the first album of Leitmotiv, an album that you unfold and discover as dense and different, radiant and dark. A passionate journey among genres (rock, folk, chanson), languages (Italian, Southern Italian dialects, French, English) and themes.

Leitmotiv is a band coming from the Puglia region (in the South-East of Italy) and from there it brings warmth and poetry, but seems to be composed by citizen of all Europe with the extraordinary vitality with which they mix styles and cultures in an eccentric musical choice. English, French and Italian. Rock, folk, pop. Their songs are theatrical, schizophrenic and charged of an absolutely unpredictable expressiveness.

Leitmotiv's 2008 first album "L'Audace Bianco Sporca il Resto" has been rewarded by critics as something of truly new and impressive. Their live shows have been performed all around Italy and abroad (Austria, Spain): more then 90 gigs during its promotional tour, counting venues, squares, festivals. They have also represented Italian indipendent music at the International Festival Monkey Week 2009, Seville - Spain, and partecipated at the BJCEM 2009 - the Biennal of Young Artists of Europe and Mediterranean, held in Skopje (Macedonia).

Leitmotiv are: Giorgio Consoli (voice), Giovanni Sileno (guitar and piano), Giuseppe Soloperto (bass), Dino Semeraro (drums), Natti Lomartire (guitar).

credits

released October 30, 2008

Artistic producer: Amerigo Verardi / Sound engineer: Maurice Andiloro / Recorded and Mixed by Maurice Andiloro at the Pan Pot Studio (Brindisi) of Antonio Bruno except of the tracks no.7, 10, 12, mixed at the Birdy Shop Studio (Brindisi) by Silvio Trisciuzzi / Mastering by Claudio Giussani e Maurice Andiloro at the Nautilus Studio (Milan) / with: Piero Iunco: cello in Magno Gaudio Populi, Vizi Pubblici Private Virtù, Donca, Tango Fluvial, Nuhar (ii); Angela Albanese: voice in Nuhar (i), Puerto Nuevo, Le Bonheur; Les Choristes, directed by Giovanna Pesare: chorus in Down; Amerigo Verardi: bouzouki in Nuhar (i) / Cover image and Graphics: Gaetano Maiorano; the woman in the cover is a pencil by Margherita Grassi / Photo: Enzo Mancini / Executive producers: La Fabbrica and Leitmotiv / Press Office: iMiuzik Media, Lunatik

tags

license

all rights reserved

about

Leitmotiv Puglia, Italy

Art-rock, Alt-folk. Italian, southern dialects, French and English. Leitmotiv songs are theatrical and charged of an absolutely unpredictable expressiveness.

contact / help

Contact Leitmotiv

Streaming and
Download help

Track Name: Balocchi
sentir bussare alle porte dei sogni..
per farla finita col giudizio dei grandi
e respirare salici... e i loro nettari
guardavamo il sole col naso all'insù

poi... inseguivamo tutti gli aquiloni
sorpresi a maledire improvvisi acquazzoni
e via... a chiedere consiglio a voi, padroni

ma, non eravamo migliori?
ingenui, creduloni
non eravamo migliori?
un tempo
testardi... sognatori
non eravamo migliori? (x)

down, our dreams are down,
our dreams are down...
our dreams are down...
Track Name: La Flute Magique
On m'appelle, on me cherche
pour une grave affaire d'état,
pour une chasse artistique
pour de la vente d'émotions.

Normalement je suis lointain
mais depuis quelques temps
je vole un peu plus bas
car il n'y a pas trop d'air là-haut.

Or, vivre d'art est difficile
déjà de vivre est difficile! Mais
s'ils m'offrent les justes moyens
pour convaincre ces rats de partir...

Donc voilà!

Le grand jeu, ce grand feu
les a tous amenés
vers ma seule victoire
ça sera l'enfer ou le paradis?
La musique les enchante
ils bougent queues, cous et pieds
aucun instant pour comprendre
où il mène ce drôle de chemin

Je leurs indique la route
elle est droite, même en pente
elle porte à ces eaux noires
qu'ils même ont si bien fait monter

Qu'est-ce qu'il se passe?
Il y a des hommes derrière moi?
C'est bien étrange, pensons un peu!

"Les rats sont gros et sales
agressifs et sans contrôle
ils dévorent tout ce qu'ils trouvent
aucun remords, aucune pitié"

TRAVAILLEZ, CONSOMMEZ,
UN, DEUX - UN, DEUX

ces hommes aussi? Tant mieux!
Le grand jeu, ce grand feu
sous le cul de ces gouvernants
c'est ma plus belle victoire
ça sera la fin, un nouveau début?

La musique les enchante
ils bougent queues, cous et pieds
pas de temps pour comprendre
comme ça a changé notre chemin...
encore un pas vers le noir...
Track Name: Magno Gaudio Populi
"à l'attention génerale!"

Popolo! Incautamente impettito
di effimeri beni e di mal costume
ti arroghi il diritto di essere re
- esempi non ti sono mancati -
ma monarchi si nasce!, non si diventa invecchiando!

Noi, all'egoistico starnazzo
risponderemo con rumoroso silenzio.
Noi, al mortale domestico imborghesimento,
all'autocastrazione in deliziosi interni,
al laido e corrotto imboscamento
risponderemo, con un istintivo:
Noi, non ti apparteniamo!

Popolo offuscato da sindrome di voyeur,
tu! occupato ad acquisire
i non meritati privilegi dei tuoi mediocri superiori
arditamente invadi
un castello già in fiamme!

Popolo realista che offri servitù alla mercé di favori, attento!
gli artisti senza musa non sopravvivono all'estate
i re senza dignità perdono la testa!

Popolo, la tua terra, le tue genti
sono solo uno sputo di mondo..
e noi lo vediamo.. EVAPORARE!
Track Name: Vizi Pubblici, Private Virtù
Nelle condizioni generali in cui la sua esistenza si scopre
l'uomo è destinato a fare i conti con la velleità illusoria
delle virtù invano inseguite
o a rassegnarsi all'indelebile marchio dei propri vizi
per fato o per collusione
Track Name: Nuhar (i)
kasha nacque con un filo di luce
si appese ad una stella
ed atterrò sulla terra

incontrò le grigie nubi
e la polverosa pioggia
vide l'alba, respirò il tramonto

nacque e visse
e quel tutto le sembrò
comunque meglio
del divino niente

buia ed unica memoria

tamash il pescatore
la raccolse
dove la schiuma solca il mare

lei gli insegnò a tendere le corde
e a farle risuonare
nel ventre, lì, nel ventre..

nacque e visse
e quel tutto le sembrò
comunque meglio
del divino niente

buia ed unica memoria
Track Name: Puerto Nuevo
we came from east a long time ago
we left our land for a new world
we broke some gods for a new home
gave up our lives for a new birth

we attacked them, we made the prize
their houses were rich, their women nice
ev'ry body thought it was natural
'cause we were pirates since a long time ago

we came from South through the icy North
we lived here for so many years
the grass was greener, the sun the same
we fought the empire, 'cause we were free

welcome to my puerto nuevo

I see your marks everywhere
you were, you are, you'll be again
if each event creates memories
the inglorious ones destroy the most of them

we won because in god we trust
nobles and fruits, we brought with us
we took a long time to forget our home
we slowly sank into decay

welcome to the puerto nuevo

I see your marks everywhere
we were, we are, we'll be again
destroy this harbour
erase your roots
which memories
will you pass onto your son, fool? (x)
Track Name: Lookin' Forward
a marble crocket.... in a hole sight
her head's shuffled.. into
...she's so quite
have to...
lookin' forward,
lookin' forward to...
Track Name: Donca
Do' ad''ha sciri
quannu chioj cussì
sta' cuiètu e spietta cu' scampa
ca ti contu 'na storia 'ecchia
ca nisciunu t'è mai cuntata...

'Ntamià tinia nu fiju
ca li piacìa quannu chiujia
fuscia forti contra ogni goccia
bijia l'acqua fresca d'ogni noa pioggia!

'Ntamià tinìa nu fiju
ca nu giurnu se n'è sciutu
era straccu e senza forzi
pi st’aria senza spiranza

lu soli - patrunu! - lu bruciò
e quannu 'nà nuula lu difriscò
critò chioi chioi!
critò chioi chioi...
e lu fulmini lu baciò!

L'è baciatu con amori
con amori l'è fermatu
l'è baciatu con amori
pì troppu amori
l'è fermatu!
Track Name: Acqua di Luna
'a luna nun vole 'nu specchio
se mette scuorn(o)e riluce d'ampietto
e chiagne comm'a na criatura
o'ciel nun capisce sta lacrima scura...
E o'sole fintant se sceta
va truann' sta lacrima s'asconne, nun se cheta
a goccia addiventa profumo
jesce stu juorno, se stuta à'luna

'a luna nun vole 'nu specchio
è triste, s'addorme e 'o mare è nu lietto
ca guarda comm'a na creatura
"nun vole pazzìa" chest'anima scura..
o sole intant se dà pena
va truann sta lacrima 'e rena
a goccia addiventa rummore
o chianto d'a luna confonne l'addore

Aspietta, aspetta dimane
so' lacrime, so' lacrime ammare
aspietta, aspetta 'sta luna
e chiagne su chesta furtuna

nun se sente , nun ce crede , m' arrecreje..

Aspietta, aspetta dimane
so' lacrime, so' lacrime ammare
e chiove, è acqua di luna
i cant su chesta furtuna...

(a luna s'ammisca co' a rena
s'accheta chest'anima in pena)

s'ammisca co' a rena.....
Track Name: 24h
una giornata se n'è andata
se n'è andata e non torna più
e poco importa se il lavoro
mi sembra più una schiavitù

ma se libertà è un'illusione
nessuno morde questa gabbia
e giochiamo a chi è più bravo
a scordar la propria rabbia
a cambiar la propria voglia
a menarla a destra e a manca (x)

24h di mondo
scherzando sul conto del tempo
24h ogni giorno
immerso in un sonno profondo...

una notte è già trascorsa
qual è il tuo sogno, Belzebù?
che per le brame che io vedo
arrossiresti anche tu
e se felicità è un'illusione
nessuno fugge 'st'ipocrisia
in cui giochiamo a chi è più bravo
a negar la propria rabbia
ad ingoiar la propria voglia
a menarla a destra e a manca
a cambiar la propria voglia
a menarla a destra e a manca

24h ogni giorno
in cerca di un sole nascosto
24h nel mondo
immerso in un sonno profondo...

24h nel mondo
in corsa nel ventre del mondo
24h di sonno
senza nè sogni nè... (sosta)
Track Name: Tango Fluvial (triste, ordinario y final)
sogno una luna al profumo d'antan ma
non credo più a mille stelle cadenti
sorseggio mate in un bar
il mio umore blu
bagna balere ormai spente

cometa lieve di un affollato salon
passi di tango e la gloria arrivò
io, borgena abel, rubai sogni al destino

mantello del'anima
e il tempo è un foulard
v'è avvolta una lettera che mai spedirò

"Labile è il confine tra la mancanza e la perdita
se non sei qui con me come potrò dirmi sereno?
Raccolgo tutte le notti indizi per una speranza.
ci gioco, e a notte fonda è sempre quella la risposta...
i frutti del mio albero benché maturi... restano incolti
le spine dell'amor fanno a pugni con il sole.
Chiederti di tornare? se non sei mai partita...
mi nutro dei miei sintomi fantasmi in uscita
sfuocati riflessi di una mela proibita."

Nel bar
cadono gli alibi
affogan sterili

nell'aria già intrisa di un sereno lustrar
la luna è in divisa
la boca è il mio mar
il suon del rio nuevo
e Margot lì a guardar
timida luce mancata
sul mio opaco final

e veleggia in là... maturità

mi soledad, giallo crinal
mi soledad
mi sole.
Track Name: Le Bonheur
le bonheur existe
aujourd'hui j'étais content
la félicité n'existe pas
et moi je suis triste

j'aime quelqu'un et
j'aime personne
j'aime quelqu'un et
(je n'aime que toi)
j'aime personne

c'est vrai comme moi
c'est faux le monde
c'est vrai comme moi
c'est faux le monde
Track Name: Talita Kum
a Cana non celebrano più nozze. annullate.
neanche una marcia funebre però.
solo una silente, nauseabonda, incessante, tremenda, umana, sordità
sordità sonora
che il silenzio raggela
zenith dell'umana vanità

con la vergogna insediata dal resto
che sibila lontano da qui
dal dì in cui la colpa e.. la gogna?
di un diritto arrogato, rogatoria di morte
rogo e pianto, odore del niente
odore del niente

non sopporto chi continua ad astenersi
dall'esprimersi e si trincera in un fetido
comodo e vigliacco tacere
zenith dell'umana speranza...
zenith dell'umana volontà
Track Name: Nuhar (ii)
kasha nacque con un filo di luce
si appese ad una stella
ed atterrò sulla terra

incontrò le grigie nubi
e la polverosa pioggia
vide l'alba, respirò il tramonto

nacque e visse
e quel tutto le sembrò
comunque meglio
del divino niente

buia ed unica memoria

tamash il pescatore
la raccolse
dove la schiuma solca il mare

lei gli insegnò a tendere le corde
e a farle risuonare
nel ventre, lì, nel ventre..

nacque e visse
e quel tutto le sembrò
comunque meglio
del divino niente

buia ed unica memoria

“dicono che quando il giudice del tempo bussò alla loro porta
essi lo accolsero con gentilezza. si vestirono di freschezza
poiché l'acqua coprì loro le caviglie, le gambe, il ventre, il capo...
e così il vento li salutò con una loro canzone.

ancora oggi, a volte, quando le voci delle genti sembrano
solo echi lontani ed i frastuoni della modernità risuonano altrove
esso li ricorda, con la sua forte voce d'oriente...”